Conversione di Parsecs

Seleziona l'unità in cui desideri convertire

Parsecs

Abbreviazione/Simbolo:

pc

Unità di:

Lunghezza

Utilizzo mondiale:

Globale

L'uso dei parsec è diffuso nel campo dell'astronomia a causa della sua comodità nel descrivere le distanze astronomiche. Fornisce un modo più pratico e intuitivo per misurare le vaste distanze tra gli oggetti celesti, specialmente quando si tratta di oggetti al di fuori del nostro sistema solare. I parsec consentono agli astronomi di determinare con precisione le distanze tra stelle, galassie e altri corpi celesti, consentendo loro di studiare la struttura e l'evoluzione dell'universo.

La comunità scientifica internazionale adotta ampiamente i parsec come unità di misura standard nella ricerca astronomica. Viene utilizzato in vari calcoli astronomici, come la determinazione della luminosità e della magnitudine assoluta delle stelle, la stima delle dimensioni e della massa delle galassie e la misurazione del tasso di espansione dell'universo. L'uso dei parsec facilita la comunicazione e la collaborazione tra gli astronomi di tutto il mondo, garantendo coerenza e precisione nelle osservazioni e nei calcoli astronomici.

Definizione:

Gli astronomi hanno usato la trigonometria per calcolare la distanza delle stelle molto prima che il termine parsec fosse stato coniato, ma la nuova unità ha reso più facile la concettualizzazione di distanze insondabili.

Un parsec è la distanza dal sole a un oggetto astronomico che ha un angolo di parallasse di un secondo d'arco (1/3600 di grado). L'angolo di parallasse è trovato misurando la parallasse di movimento (o movimento apparente di una stella stabile rispetto, stelle più distanti) quando la stella è osservata da lati opposti del sole (un intervallo di sei mesi sulla Terra). L'angolo di parallasse è ottenuto dimezzando la differenza angolare nelle misurazioni.

Una volta che l'angolo di parallasse è stabilito è possibile calcolare la distanza di una stella con la trigonometria, perché conosciamo la distanza della Terra dal sole. La distanza dal Sole di un corpo con un angolo di parallasse di 1 secondo d'arco è stato quindi definito come unità e, grazie a Turner, nominato parsec.

Con il parsec definito, derivare e descrivere enormi distanze è diventato facile, dal momento che la distanza in parsec può essere calcolato come il reciproco dell'angolo di parallasse in secondi d'arco (se l'angolo di parallasse è di 1 secondo d'arco, l'oggetto è 1 pc dal sole. 0,5 secondi d'arco significa che l'oggetto è distante 2 parsec).

Origine:

Il termine parsec fu coniato dall'astronomo inglese Herbert Hall Turner nel 1913. Era stato definita l'Unità di misura della distanza utile per l'astronomia, ma era senza un nome, e l'Astronomo Reale fu chiamato per suggerimenti. Turner adottò il termine parsec essendo derivato dalla definizione dell'unità come la distanza dal sole a un oggetto astronomico che ha un angolo di parallasse di un secondo d'arco

Il parallasse è lo spostamento apparente della posizione di un oggetto quando osservato da angolazioni diverse. Gli astronomi utilizzano questo fenomeno per misurare la distanza alle stelle vicine. L'idea alla base del parsec fu proposta per la prima volta dall'astronomo britannico Herbert Hall Turner nel 1913. Egli suggerì che un'unità di distanza potesse essere definita come la distanza alla quale un oggetto avrebbe un parallasse di un secondo d'arco quando osservato da lati opposti dell'orbita terrestre attorno al Sole.

Il concetto del parsec è stato ulteriormente sviluppato dall'astronomo americano Harlow Shapley e dai suoi colleghi negli anni '20. Hanno perfezionato la definizione del parsec in modo che fosse uguale a 3,26 anni luce o approssimativamente 31 trilioni di chilometri. Questo valore è stato scelto per rendere i calcoli più convenienti e allinearsi con le misurazioni astronomiche esistenti.

Riferimenti comuni:

Proxima Centauri, la stella più vicina alla Terra, a parte il sole, è lontana 1,29 parsec.

Il centro della Via Lattea è oltre 8 kpc dalla terra.

Contesto d'uso:

Globale

Oltre al suo utilizzo nella misurazione delle distanze, i parsec giocano anche un ruolo cruciale nel determinare la luminosità e le dimensioni delle stelle. Misurando la luminosità apparente di una stella e conoscendo la sua distanza in parsec, gli astronomi possono calcolarne la luminosità assoluta. Questa informazione è essenziale per comprendere le proprietà e l'evoluzione delle stelle.

Mentre i parsec sono principalmente utilizzati nel campo dell'astronomia, non sono comunemente incontrati nella vita di tutti i giorni. Tuttavia, il loro utilizzo è cruciale per gli astronomi per esplorare e comprendere l'immensità dell'universo.

 

Link popolari